lunedì 31 ottobre 2011

Frasi tratte dal libro #4

La straniera di Diana Gabaldon

“Ti voglio Claire”,disse con voce soffocata tacque un attimo ,
come incerto sulle parole da scegliere.
“Ti voglio cosi tanto…che quasi non riesco a respirare. Tu..”
Deglutì ,poi si schiarì la gola. “Tu mi vuoi?”…”Si” risposi..
“Si ,ti voglio”



Dopo aver lanciato un’occhiata ai ragazzi del ruscello, indietreggiò verso l’ombra di un grande ippocastano. Mi mise le braccia intorno alla vita e mi attirò a sé.
«Non sei stata la prima ragazza che ho baciato», disse sottovoce. «Ma giuro che sarai l’ultima.» e si chinò sul mio viso.



"Una volta chiesi a mio padre come avrei fatto a capire quale sarebbe stata la donna giusta e lui mi rispose che arrivato il momento non avrei avuto dubbi. E infatti non ne ho avuti. Quando mi svegliai al buio sotto quell'albero, sulla strada per Leoch, con te seduta sul mio petto, che mi insultavi perchè ero quasi morto dissanguato, dissi a me stesso: "Jamie Fraser, malgrado la faccia che ha in questo momento, e malgrado pesi quanto un buon cavallo da soma, questa è la donna giusta"

Gli feci lo sgambetto e gli atterrai con le ginocchia sullo stomaco, dopo averlo fatto crollare a terra con uno schianto che scosse la casa fin nelle fondamenta. "Vuoi dire che mi hai sposato per amore?" gli domandai. Lui inarcò le sopracciglia, respirando a fatica.
"Non ho forse... appena detto... questo?"



“Finirà mai ,questo desiderio di te?
Anche quando ti ho appena lasciato, provo un dolore al petto e
alle dita, tanta è la voglia di toccarti di nuovo”.
“Quando ti tengo tra le braccia e ti sento palpitare così, in attesa
che io ti prenda…Dio,voglio darti tanto piacere da farti aprire a me.
E quando poi sono io a godere di te, mi sembra di averti dato anche
l’anima, insieme al corpo"

Song Of The Day #4

Adoro questa canzone, mi fa sentire viva e mi dà felicità...proprio come dice la canzone ;)


Junk of the heart
Is junk in my mind
So hard to leave you all alone

We get so drunk
That we can hardly see
what use is that to you on me, baby

See, I noticed nothing
makes you shatter, no no
you are a lover of the wild
and a junker of the heart
But are you mine?

I wanna make you happy
I wanna make you feel alive
Let me make you happy
I wanna make you feel alive at night
I wanna make you happy
you're a good girl, good night

You seem to be sunk
But life is no race
When I'm not happy
I'm in disgrace

So I spent time guessing on you, oh
You're a lover of the wild
and a junker of the heart.
But are you mine?

I wanna make you happy
I wanna make you feel alive
Let me make you happy
I wanna make you feel alive at night
I wanna make you happy
you're a good girl, good night

Still I notice nothing
makes you shatter, no no
you're a lover of the wild
and a junker of the heart
But are you mine?

I wanna make you happy
I wanna make you feel alive
Let me make you happy
I wanna make you feel alive at night
I wanna make you happy
you're a good girl, good night

Testo Junk Of The Heart (happy)





Traduzione: Gli scarti del cuore

Gli scarti del cuore
sono scarti nella mia mente
è così difficile lasciarti tutta sola

ci ubriachiamo a tal punto che
difficilmente riusciamo a vedere
il potere che riesci ad avere su me, tesoro

vedi, ho notato che
niente ti distrugge, no
sei un'amante del selvaggio
e una burlona del cuore
ma sei mia?

voglio renderti felice
voglio farti sentire viva
permettimi di renderti felice
voglio farti sentire viva la notte
voglio renderti felice
sei una brava ragazza, buonanotte

sembri essere affondata
ma la vita non è una gara
è una vergogna, quando non sono felice

così ho passato del tempo
a scommettere su di te
sei un'amante del selvaggio
e una burlona del cuore
ma sei mia?

voglio renderti felice
voglio farti sentire viva
permettimi di renderti felice
voglio farti sentire viva la notte
voglio renderti felice
sei una brava ragazza, buonanotte

continuo a notare che
niente ti distrugge, no
sei un'amante del selvaggio
e una burlona del cuore
ma sei mia?

voglio renderti felice
voglio farti sentire viva
permettimi di renderti felice
voglio farti sentire viva la notte
voglio renderti felice
sei una brava ragazza, buonanotte

Torment di Lauren Kate

TORMENT
Autore: Lauren Kate
Traduzione: Serena Daniele
Edizione: Mondolibri
Formato: Rilegato
Pagine: 459
Anno: 2010
Iniziato: 26 ottobre 2011
Finito: 30 ottobre 2011


TRAMA
Quante vite bisogna vivere prima di incontrare qualcuno per cui valga la pena morire? Dopo la terribile battaglia tra le forze angeliche di cui la scuola Sword & Cross è stata teatro, Daniel ha nascosto Luce in un luogo sicuro, una scuola piena di Nephilim, la progenie nata dagli incroci tra angeli caduti ed esseri umani. Qui la ragazza scopre che cosa sono davvero le Ombre che la perseguitano da sempre, ma anche come sfruttarle per spiare nelle sue passate incarnazioni. E studiando le
infinite versioni di se stessa, Luce capisce che è proprio nel passato che si nasconde la chiave per decifrare il suo futuro... ma anche che Daniel nasconde dei segreti. E se le avesse mentito? Se il destino di Luce fosse amare non lui, ma qualcun altro?


RECENSIONE
Più vado avanti e più mi piace, ancora non sono rimasta delusa su nulla.
Luce non è la solita cretina e super scontata, ma è una tosta, saggia e curiosa, una che dice: "Ok sarà anche un'amore straordinario, l'amore dell'eternità, ogni mia vita è basata sempre sull'amore per questo angelo, ma fondamentalmente ora non ti conosco e al momento mi stai creando solo una marea di problemi, quindi o scopro cosa relamente spinge me, a morire ogni volta adolescente per te, mentre per te a lasciare un posto di alto rango su nel paradiso e pur vedendomi sempre morire sotto i tuoi occhi, a non mollare mai", e ti dico GRANDE!!!
Ogni personaggio ha la sua bellezza e particolarità, chi angelo, chi demone e chi espulso....
Bello davvero.
Consiglio a tutti di intraprendere questa lettura
Voto: 8

FRASI TRATTE DAL LIBRO:

"I suoi occhi viola ardevano, non di rabbia ma di desiderio intenso. Il tipo di sguardo che ti faceva volere una persona così tanto da sentire la sua mancanza anche quando era in piedi di fronte a te."




Serie Fallen
• Fallen 2009
• Torment, 2010
• Passion,2011
• Rapture, previsto per il 2012




L'AUTRICE




Lauren Kate è nata e cresciuta a Dallas negli Stati Uniti, ma si è successivamente trasferita in Georgia, dove ha conosciuto il “vecchio sud”, una zona che ha ispirato i suoi romanzi.

venerdì 28 ottobre 2011

Cover Crazy #3

Copertina inglese
Mi sono sempre chiesta come mai le copertine straniere sono sempre più belle delle nostre, a volte è il contrario ma raramente succede, ad esempio guardate questa è molto bella a mio parere, sia per l'intensità dei colori, che per la scelta del soggetto, mare e cielo che si fondono insieme, questa è la sensazione. E come se non bastasse anche la scritta/carattere del titolo è fichissimo.

Song Of The Day #3



DUFFY - warwick avenue lyrics

When I get to Warwick Avenue
Meet me by the entrance of the tube
We can talk things over a little time
Promise me you won't step out of line

When I get to Warwick Avenue
Please drop the past and be true
Don't think we're okay just because I'm here
You hurt me bad, but I won't shed a tear

I'm leaving you for the last time, baby
You think you're loving, but you don't love me
I've been confused, out of my mind lately
You think you're loving, but I want to be free
Baby, you've hurt me

When I get to Warwick Avenue
We'll spend an hour but no more than two
Our only chance to speak once more
I showed you the answers; now here's the door

When I get to Warwick Avenue
I'll tell you, baby, that we're through

I'm leaving you for the last time, baby
You think you're loving but you don't love me
I've been confused, out of my mind lately
You think you're loving, but you don't love me
I want to be free; baby, you've hurt me.

All the days spent together
I wished for better,
But I didn't want the train to come
Now it's departed -- I'm broken hearted,
Seems like we never started
All those days spent together
When I wished for better
And I didn't want the train to come

You think you're loving, but you don't love me
I want to be free.
Baby, you hurt me, you don't love me,
I want to be free; baby, you've hurt me
 
 
TRADUZIONE
 
Quando arriverò a Warwick Avenue
possiamo incontrarci all'entrata della metropolitana
possiamo parlare di qualsiasi cosa
anche oltre il tempo che ci siamo prefissati
ma promettimi che non resterai alla luce

quando arriverò a Warwick Avenue
per favore raccontami del passato e sii onesto
non dire che stiamo bene
solo perchè sono qui
mi hai ferito tanto ma non verserò una lacrima

partirò per l'ultima volta tesoro
pensi di amarmi
ma tu non mi ami
e io sono stata confusa nella mente ultimamente
pensi di amarmi ma io voglio essere libera tesoro
mi hai ferito

quando arriverò a Warwick Avenue
passeremo un'ora assieme ma non più di due
la nostra unica possibilità
di parlare ancora una volta
ti ho mostrato le risposte
adesso qui c'è la porta

quando arriverò a Warwick Avenue
dirò, tesoro, che tra noi è finita

perchè partirò per l'ultima volta tesoro
pensi di amarmi
ma tu non mi ami
e io sono stata confusa nella mente ultimamente
pensi di amarmi ma io voglio essere libera tesoro
mi hai ferito

tutti i giorni passati assieme
ho desiderato qualcosa di meglio
e non volevo che il treno arrivasse
adesso che è partito, ho il cuore in pezzi
è come se non avessimo mai iniziato
tutti quei giorni passati assieme
ho desiderato qualcosa di meglio
e non volevo che il treno arrivasse, no no

pensi di amarmi
ma tu non mi ami
voglio essere libera tesoro
mi hai ferito, non mi ami
voglio essere libera
tesoro mi hai ferito

giovedì 27 ottobre 2011

Cover Crazy #2


Copertina italiana
Mi piace molto questa copertina, la trovo molto rilassante, qualcosa di etereo, è come se fosse una ballerina che inizia la sua danza in fondo al mare, poi amo molto il contrasto dei colori, per certi versi freddi ma con quel tocco di calore dato dal velo rosa.

Song Of The Day #2


Testo "Fallen" di Sarah McLachlan
Heaven bent to take my hand,
and lead through the fire
Lead a long awaited answer
to a long and painful fight
Truth be told, I've tried my best
but somewhere along the way,
I got caught up in all there was to offer

and the cost was so much more than I could bare

Though I've tried, I've fallen
I have sunk so low
Out of the best,
the better I should know
So don't come 'round here
and tell me I told you so

Your the king of good intents,
love was raw and young
We believed that we could change ourselves
and the past could be undone
But we carry on our back
the burden that time always reaveals
In the lonely light of morning,
in the one that would know heal,
is the bitter taste of losing everything that
I've held dear so

Though I've tried, I've fallen
I have sunk so low
Out of the best,
the better I should know
So don't come 'round here,
and tell me that I told you so

Heaven bent to take my hand,
Nowhere left to turn
lost in those our thoughtful friends,
to everyone I know
Oh, they turn their head embaressed
pretend that they don't see
that there's one big step and slip before you know it
and there doesn't seem a way to be redeemed

Though I've tried, I've fallen
I have sunk so low
Out of the best,
better I should know
But don't come 'round here
and tell me that I told you so


Traduzione

Il cielo si è piegato per prendermi per mano
E condurmi attraverso il fuoco
Che sia la risposta che ho aspettato tanto a lungo
Ad una battaglia lunga e dolorosa

Dico la verità, ho fatto del mio meglio
Ma da qualche parte lungo il cammino
Mi sono persa in tutto quello che c’era da offrire
E il costo è stato maggiore di quello che potevo sostenere
Nonostante ho provato, sono caduta…
Sono affondata così in basso
Ho fatto un gran casino
Avrei dovuto saperlo meglio
Allora non venirmi intorno
E dirmi Te l’avevo detto…

Tutti partiamo con buone intenzioni
L’amore era selvatico e giovane
Credevamo di poter cambiare noi stessi
Il passato poteva essere disfatto
Ma portavamo sulle nostre spalle un fardello
Il tempo rivela sempre
La luce solitaria del mattino,
La ferita che non guarirà
E’il sapore amaro di perdere ogni cosa
Che valeva qualcosa per me.
Sono caduta…
Sono affondata così in basso
Ho fatto un gran casino
Avrei dovuto saperlo meglio
Allora non venirmi intorno
E dirmi Te l’avevo detto…

Il cielo si è piegato per prendermi per mano
Nessuna parte da cui girarmi
Sono insensibile a quelli che consideravo amici,
A tutti quelli che conosco
Oh, loro voltavano la testa imbarazzati

Fingevano di non vedere
Ma c’è un gradino che manca
Scivolerai prima che te ne accorga

E sembra non esserci alcun modo per essere riscattata

Nonostante ho provato, sono caduta…
Sono affondata così in basso
Ho fatto un gran casino
Avrei dovuto saperlo meglio
Allora non venirmi intorno
E dirmi Te l’avevo detto…
[2X]

Frasi tratte dal libro...#3

Acqua agli Elefanti di Sara Gruen

"L'età è un ladro tremendo. Proprio quando capisci come funziona la vita, ti taglia le gambe e ti immobilizza la schiena."


"Posso soltanto passare il tempo in attesa dell'inevitabile, osservando gli spettri del passato aggirarsi rumorosamente nel mio vacuo presente. Cigolano, fanno un gran fracasso e si comportano come se fossero a casa loro, soprattutto perchè non hanno rivali.Io ho smesso di combatterli. Adesso cigolano e battono colpi qui intorno a me. Mettetevi comodi, ragazzi. Fermatevi per un pò. Oh scusate: vedo che l'avete già fatto.
Maledetti spettri"

Frasi tratte dal libro...#2

Fallen di Lauren Kate



Un attimo dopo, la vita com'era stata fino a quel momento era scomparsa in una fiammata

Una strana sensazione si faceva strada dentro di lei. Una sensazione che si era annidata nel corso di tutte le vite passate, di tutto l'amore per Daniel che troppe volte nei secoli era stato costretto a finire. Le fece venire voglia di combattere al suo fianco. Combattere per rimanere viva abbastanza a lungo da vivere la sua vita con lui. Combattere per l'unica cosa davvero buona, nobile, potente; l'unica cosa per cui valeva la pena rischiare tutto. L'Amore.

Baciarsi le sembrava l'unica cosa giusta da fare, l'unica cosa che la confortava, e le ricordava che c'era una ragione per andare avanti.

... Essere tra le sue braccia la fece sentire come il mare che trova la terra, come un viaggiatore che ritorna dopo un viaggio lungo e difficile: finalmente a casa.

Per me sei tutto ciò che esiste.

Vago per la terra, ma nel profondo so sempre che stai per arrivare.

Posso resisterti, o fuggire, o fare del mio meglio per non ricambiarti, ma non fa alcuna differenza. Ti innamori di me, e io di te.

Ci incontriamo. Ci incontriamo sempre, in qualche modo, non importa dove io vada, non importa quanta distanza cerchi di mettere fra noi. Non importa mai. Tu mi trovi sempre.

"Sei ancora qui"
"Niente potrebbe mai trascinarmi via"

  La baciò come se gli appartenesse, come se fosse una parte di lui perduta da tanto tempo, che alla fine riusciva ad avere.

"Resterai con me?"
"Per sempre"

Le piaceva il suo odore. Profumava di fresco, come l'aria aperta, come guidare di notte con i finestrini abbassati. Le piaceva il modo in cui si concentrava solo su di lei mentre l'ascoltava, quasi che non riuscisse a vedere o sentire nessun altro.

Il tempo è un naufragio e solo quello che vale davvero torna a galla...

 

Camminava tranquillo come se nulla fosse accaduto, senza sentirsi perduto, in un oceano di foglie e sangue.

Fallen di Lauren Kate

FALLEN
Autore: Lauren Kate
Traduzione di: Serena Daniele
Edizione: Euroclub
Formato: Rilegato
Pagine: 442
Anno: 2010
Iniziato il: 24 ottobre 2011
Finito il: 26 ottobre 2011



TRAMA
In seguito a un tragico e misterioso incidente, Lucinda è stata rinchiusa a SwordEtCross, un istituto a metà fra il collegio e il riformatorio. Nell'incidente un suo amico è morto. Lei non ricorda molto di quella terribile notte, ma la sua ricostruzione dei fatti non convince la polizia. La vita nella nuova scuola è difficile: il senso di colpa non le lascia respiro, proprio come le telecamere che registrano ogni singolo istante della sua giornata. E tutti gli altri ragazzi, con cui è più facile litigare che fare amicizia, sembrano avere alle spalle un passato spiacevole, se non spaventoso. Tutto cambia quando Luce incontra Daniel. Misterioso e altero, prima sembra far di tutto per tenerla a distanza, ma poi è lui a correre in suo aiuto, e a salvarle la vita, quando le ombre scure che Luce vede in seguito all'incidente le si stringono intorno. Luce, attratta da Daniel come una falena dalla fiamma di una candela, scava nel suo passato e scopre che standogli vicino, proprio come una falena, rischia di rimanere uccisa: perché Daniel è un angelo caduto, condannato a innamorarsi di lei ogni diciassette anni, solo per vederla morire ogni volta... Insieme, i due ragazzi sfideranno i demoni che tormentano Luce, e cercheranno la redenzione.


RECENSIONE
Sono sempre stata attirata da questo libro, indubbiamente per la copertina che è fantastica, nei colori e in tutte le sue sfumature e nella rappresentazione, di questa ragazza dai lunghi capelli neri, che si copre il viso per non vedere...è passato un pò da quando l'ho comprato prima di leggerlo e questo perchè nel mentre ho iniziato a leggere i primi giudizi, contrastanti tra loro all'inizio, ma man mano che il tempo passava mi capitava sempre più spesso di leggere di persone che era stata attirata, come me, dalla copertina ed essere rimasti amaramente delusi. Poi mi sono decisa, l'ho iniziato e....non ho più smesso, più andavo avanti e più facevo fatica a staccarmi dalla storia di Luce e Daniel.
Mi piace tutto dall'inizio alla fine, niente è scontato di quello che succede, rimani sospettoso di tutto e tutti, non sai mai dove ti porterà la pagina successiva.
E' bello, coinvolgente, per certi versi semplice, ma non così scontato come molti altri libri che ho letto di recente di autrice quasi osannate dal pubblico, tipo Lara Adrian.
Io lo consiglio con tutto il cuore, è una storia d'amore si, ma non così scontata e alla fine del primo libro rimarrete con un'insaziabile voglia di continuare e di capire, con mille domande nella testa.
Il mio voto è un 8

Solo un amore impossibile può essere eterno

FRASI TRATTE DAL LIBRO:

Un attimo dopo, la vita com'era stata fino a quel momento era scomparsa in una fiammata

"Sei ancora qui"
"Niente potrebbe mai trascinarmi via"
La baciò come se gli appartenesse, come se fosse una parte di lui perduta da tanto tempo, che alla fine riusciva ad avere.


Avrebbe voluto sapere che cosa stava facendo adesso alla festa di Gabbe, quando era il suo compleanno. Che numero di scarpe portava e se aveva mai sprecato un secondo del suo tempo a pensare a lei.


Una strana sensazione si faceva strada dentro di lei. Una sensazione che si era annidata nel corso di tutte le vite passate, di tutto l'amore per Daniel che troppe volte nei secoli era stato costretto a finire. Le fece venire voglia di combattere al suo fianco. Combattere per rimanere viva abbastanza a lungo da vivere la sua vita con lui. Combattere per l'unica cosa davvero buona, nobile, potente; l'unica cosa per cui valeva la pena rischiare tutto. L'Amore.


... Essere tra le sue braccia la fece sentire come il mare che trova la terra, come un viaggiatore che ritorna dopo un viaggio lungo e difficile: finalmente a casa.


Vago per la terra, ma nel profondo so sempre che stai per arrivare.


Posso resisterti, o fuggire, o fare del mio meglio per non ricambiarti, ma non fa alcuna differenza. Ti innamori di me, e io di te.

Serie Fallen:


  • Fallen







  • Torment, 2010 (previsto in Italia per fine ottobre - il 24/1117/11)







  • Passion, previsto per l’estate 2011







  • Rapture, previsto per il 2012






  • L'AUTRICE



    Lauren Kate è nata e cresciuta a Dallas negli Stati Uniti, ma si è successivamente trasferita in Georgia, dove ha conosciuto il “vecchio sud”, una zona che ha ispirato i suoi romanzi.

    mercoledì 26 ottobre 2011

    Cover Crazy #1




    Cover straniere e italiane che mi hanno colpito.
    Questa mi piace per i suoi colori, per la semplicità, per i petali di rose sparsi come per un innamorato.

    Designer: Oliver Munday

    Frase del giorno #2

    Ama, ama follemente, ama più che puoi e se ti dicono che è peccato, ama il tuo peccato e sarai innocente.

    Jim Morrison

    Song Of The Day #1


    Testo Without You David Guetta feat. Usher

    I can’t win, I can’t wait
    I will never win this game without you, without you
    I am lost, I am vain,
    I will never be the same without you, without you
    I won’t run I won’t fly
    I will never make it past without you, without you
    I can’t rest, I can’t lie
    All I need is you and I, without you
    Without
    You!!You!!You!!You!!
    You!!You!!You!!You!!
    Can’t erase, so I’ll take blame
    But I can’t accept that we were strange without you, without you
    I can’t quit now, this can’t be right
    I can’t take one more sleep this night without you, without you
    I won’t sob, I won’t cry
    If you’re not here, I’m living life without you, without you
    I can’t look, I’m so blind
    Lost my heart, I lost my mind without you
    Without
    You!!You!!You!!You!!
    You!!You!!You!!You!!


    Traduzione Without You David Guetta feat. Usher

    Non possono vincere, non posso aspettare
    Non vincerò mai questo gioco senza Te, senza Te
    Mi sto perdendo, sono inutile,
    Non sarò mai lo stesso senza Te, senza Te
    Non voglio correre, non voglio volare
    Non lo riuscirò mai a farcela senza Te, senza Te
    Non posso fermarmi, non posso mentire
    Tutto quello di cui ho bisogno tu ed io, senza Te
    Senza…
    Te!!Te!!Te!!Te!!
    Te!!Te!!Te!!Te!!
    Non posso cancellare, così mi assumerò la responsabilità
    Ma non posso accettare che noi eravamo estranei senza Te, senza Te
    Non posso rassegnarmi adesso, questo non va bene
    Non riesco più a dormire questa notte senza Te, senza te
    Non voglio piangere, non voglio piangere
    Se non sei qui, sto vivendo la vita senza Te, senza te
    Non posso guardare, sono così cieco
    Ho perso il mio cuore, ho perso la mia mente senza Te
    Senza
    Te!!Te!!Te!!Te!!
    Te!!Te!!Te!!Te!!

    martedì 25 ottobre 2011

    Anteprima del 26 ottobre....

    Anteprime del ottobre




    NEMESIS – LA CHIAVE DI SALOMONE
    Autore: Francesco Falconi
    Editore: Castelvecchi
    Pagine:320
    Costo: 14.90

    TRAMA
    Un Angelo Ombra e un Demone Emerso hanno osato sfidare il Patto d’Equilibrio. 
    Pur di restare uniti, Ellen e Kevin hanno affrontato il proprio destino e il Consiglio dei Cerchi e delle Sfere. Ma, pochi mesi dopo la loro fuga da Inverness, la situazione di colpo precipita. Nelle Highlands scozzesi si agita l’ombra di un antico nemico pronto a risorgere. È Nemesis, l’Angelo dell’Apocalisse, che ha radunato nuovi Discepoli mettendoli sulle tracce della misteriosa Chiave di Salomone. All’oscuro di tutto questo, e rifugiatisi a Roma, Ellen e Kevin si trovano al centro di nuove oscure macchinazioni. Il tramonto inizia ad assottigliarsi, il Patto d’Equilibrio sta per essere spezzato, e le nature di Demone Emerso e Angelo Ombra prendono sempre più il sopravvento rendendo impossibile la loro vita assieme e spingendoli l’uno contro l’altra. Ma questa volta c’è in gioco molto di più che la loro felicità, perché Angeli e Demoni sono sull’orlo di una guerra senza precedenti, capace di annientare l’intera umanità e di spalancare i Cancelli dell’Inferno… Così, tra le rovine di Roma e le nebbie di Inverness, Ellen e Kevin inizieranno una corsa contro il tempo per recuperare la Chiave di Salomone, prima che l’Ordine dell’Apocalisse abbia il sopravvento. Ignari, tuttavia, che i traditori del Consiglio sono pronti a tutto pur di compiere la loro folle missione. Fino all’imprevedibile finale, in cui ogni segreto sarà rivelato.
    TRATTO DAL LIBRO
    Appena fece un altro passo, si accese un triangolo di undici candele nere, rivelando dei simboli disegnati sul pavimento. Dieci cerchi bianchi, disposti in modo tale da formare la figura di un ottagono con due circonferenze vicine al vertice più basso.
    «Entra nel diamante delle Sephirot», sussurrò la voce.
    Prima dell’ultimo cerchio si trovava una pozza riempita di una sostanza scura.
    Dentro c’era un individuo immerso fino al mento nel liquido. I capelli, intrisi di sangue, gli coprivano metà volto.
    «Segui il sentiero di sangue. Percorri l’Albero della Vita».
    «Paradiso, Inferno. Caino, Serpente e Angelo Caduto», recitò Inghinn.
    «Raggiungimi, Primo Discepolo dell’Ordine, segui il sentiero ermetico».
    Inghinn alzò l’uomo in grigio da terra e lo prese sottobraccio.
    «Malkut, il Regno», disse entrando nel primo cerchio e affondando il coltello nella bocca dell’Immacolato, che emise un gemito. Poi proseguì diritto fino al secondo simbolo.
    «Yesod, il Fondamento», pronunciò conficcando la lama nell’inguine della vittima.
    Si spostò in obliquo, sulla sinistra. «Hod, la Gloria» sussurrò colpendolo alla gamba sinistra.
    «Geburah, la Severità».

    L’AUTORE









    IL VAMPIRO DELLE HIGHLAND
    Autore: Kerrelyn Sparks
    Titolo Originale: Be Still my Vampire Heart
    Editore: Delos Books
    Pagine: 384
    Costo: 14.90

    TRAMA
    Angus viene incaricato di fermare la persona che, con accanimento, sta uccidendo troppi Inappagati (i vampiri “cattivi”). La co-master del clan russo-americano, la bella Katya Miniskaya, minaccia di dichiarare guerra al clan Draganesti (i vampiri “buoni”, che vivono di “sangue in bottiglia”) se la strage, di cui lo ritiene responsabile, non viene fermata.
    Quando Angus, però, trova “the Slayer” che sta cacciando a Central Park, New York, e scopre che è una donna, Emma, ne resta affascinato (nè lei rimane indifferente a un conturbante scozzese in kilt che le compare davanti). Ma non sarà facile riuscire a costruire qualcosa con una donna i cui genitori sono stati uccisi dai suoi simili e che per questo odia tutti i vampiri, buoni o cattivi che siano. Ma tra battute divertenti, scene di sesso, dolcezza, azione e suspance….l’happy end sarà assicurato.
    Anche se le cose saranno rese più difficili da Katya Miniskaya, che è stata incaricata da Casimir, il vampiro più malvagio della terra, di catturare l’ammazza-vampiri e Angus. Pena… la sua stessa eliminazione.
    La serie Love at Stake
    A Very Vampy Christmas (2006) (in Sugarplums and Scandal)
    1.
    Come sposare un vampiro milionario (How to Marry a Millionaire Vampire)
    2.
    Vampyre & the city (Vamps and the City 2006)
    3. Il vampiro delle Highland (Be Still My Vampire Heart 2007)
    4. The Undead Next Door (2008)
    5. All I Want for Christmas is a Vampire (2008)
    6. Secret Life of a Vampire (2009)
    7. Forbidden Nights with a Vampire (2009)
    8. The Vampire and the Virgin (2010)
    9. Eat Prey Love (2010)
    10. Vampire Mine (2011)
    11.
    Sexiest Vampire Alive (2011)
    12. Wanted: Undead or Alive (2012)


    L’AUTORE

    Kerrelyn Sparks era insegnante al liceo di Storia e Francese con il sogno di scrivere romanzi storici. Nel 2002 il suo sogno è diventato realtà. Con "Come sposare un vampiro milionario" è diventata una dei cinque più popolari autori di romanzi paranormali. La sua ricca produzione di romanzi d'azione ed umoristici pubblicati in America, Europa, Cina e Giappone ha colpito le classifiche di vendita, vincendo prestigiosi premi e nomination (tra cui il premio RITA per il miglior romanzo paranormale 2008).



    Francesco Falconi è nato a Grosseto il 26 giugno 1976. Laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni a Siena, risiede a Roma dove lavora come consulente presso un operatore telefonico di terza generazione. Dal 2006 ha pubblicato dieci libri tra cui, nella collana UltraLit, L’Ordine dell’Apocalisse, il primo volume della saga di Nemesis.







    PRINCESS
    Autore: Lauren Kate
    Titolo Originale: The Betrayal of Natalie Hargrove
    Editore: Rizzoli
    Pagine: 236
    Costo: 17.50

    TRAMA
    Natalie Hargrove sarebbe disposta a uccidere pur di farsi eleggere “Principessa” della scuola, e non tollera l’idea che, al suo fianco, rischi di vincere non il fidanzato Mike ma Justin, un ragazzo a cui la legano sgraditi ricordi. Mentre fervono le manovre per conquistare i voti dei compagni, durante una festa di carnevale, Natalie e Mike si imbattono in Justin ubriaco, e Nat decide di legarlo di fronte alla chiesa, sottraendogli dalle tasche alcune pillole che scambia per droga. Ma il mattino dopo, lo scherzo diventa tragedia: Justin viene ritrovato morto, e davanti a Nat si spalanca l’abisso delle responsabilità da cui ormai non può più fuggire.
    L'AUTORE


    Lauren Kate è cresciuta a Dallas, ha studiato ad Atlanta e ha cominciato a scrivere a New York. Laureata in Scrittura creativa, vive a Los Angeles con il marito.





    VAMPIRE EMPIRE – Il Principe di Sangue Nero
    Autore: Clay e Susan Griffith
    Titolo Originale: The Greyfriar
    Editore: Sonzogno
    Pagine: 368
    Costo: 18.00

    TRAMA
    Le grandi e sfarzose capitali dell'era industriale sono diventate cimiteri. I pochi sopravvissuti hanno dovuto cercare rifugio ai Tropici, il cui clima torrido è nocivo alle grigie creature della notte. Così, dall'Egitto al Centro America, fino ai templi immersi nelle foreste della Malesia, sono sorte nuove civiltà del vapore e del ferro, fondate sull'arte e la tecnologia. Anno 2020. Quello che resta del glorioso impero britannico è ora il regno di Equatoria, la cui erede al trono è la principessa Adele, un'intrepida guerriera, ma anche una ragazza colta e raffinata, che trascorre intere giornate immersa nella lettura nei silenziosi saloni della mitica Biblioteca di Alessandria. La sua intraprendenza e il suo spirito indomito risveglieranno però la crudeltà di un efferato clan di vampiri decisi a scatenare una nuova guerra. In questa lotta all'ultimo sangue, Adele troverà al proprio fianco il principe Greyfriar, affascinante signore delle tenebre dal volto mascherato. E il misterioso protettore le rivelerà la vera natura del conflitto tra gli uomini e i non-morti, combattendo con lei una battaglia epocale per la vita e per l'amore.
    GIUDIZI
    "Mescolando horror e romanticismo, Vampire Empire ha una forza seduttiva che travalica i confini della letteratura di genere"
    LIBRARY JOURNAL

    "Amore, azione, brivido! Finalmente una boccata d'aria fresca nel sovrappopolato mondo dei vampiri"
    PUBLISHER'S WEEKLY

    TRATTO DAL LIBRO
    Lily Walker riusciva a fiutare un piedipiatti a un chilometro di distanza.
    Gli sbirri puzzavano di birra e lozione per capelli. Camminavano come se avessero le scarpe strette. Nei quartieri poveri, pieni di gente affamata, apparivano paffuti e lustri come vitelli, ingrassati da tutti i pasti che scroccavano. Gli sbirri le facevano paura. Era stato uno sbirro a toglierle i figli per chiuderli nell’ospizio di mendicità. Ed era stato un altro poliziotto, un certo Alvin Donaldson, a spedirla in prigione dopo che lei aveva cominciato a battere il marciapiede per riprenderseli. E adesso ce n’era uno seduto al bancone, proprio davanti a lei. Dentro il Barkentine, la roccaforte stessa della Ditta. Fingeva di essere un cliente qualunque. Beveva, leggeva il giornale, ordinava da mangiare.
    Che dannata faccia tosta.
    Che cosa voleva? Stava cercando di pizzicare Sid? Di far chiudere il locale? Il pensiero che il Bark chiudesse non la spaventava soltanto, la terrorizzava. Adesso aveva con sé i fi gli. Avevano una stanza; era piccola, ma li teneva al caldo e asciutti. Se avesse perso il posto di barista, e la relativa paga, avrebbe perso anche la stanza. E i bambini. Di nuovo. Mentre era ferma dietro il banco, semiparalizzata dall’ansia, un movimento improvviso attirò la sua attenzione. Frankie Betts, il braccio destro di Sid, che era rimasto seduto a tracannare un bicchiere di whisky dopo l’altro, all’improvviso si era alzato. Spense la sigaretta e si rimboccò le maniche. Ha beccato il poliziotto, pensò Lily, e ora ci pensa lui a sistemarlo. Ma prima che Frankie potesse fare una sola mossa, sul bancone apparve un nuovo drink. Era stato Desi Shaw, il gestore del pub, a offrirlo. «Non te ne starai già andando, vero, amico?» chiese.
    «Sei appena arrivato.» Il tono di Desi era allegro, ma nei suoi occhi balenò un avvertimento. Frankie annuì. «Grazie» disse, rimettendosi a sedere. Desi aveva fatto bene a fermarlo. Sid si sarebbe arrabbiato, sarebbe rimasto deluso. E Frankie sapeva che era meglio non deluderlo. Lo sapevano tutti. Desi si rivolse a Lily. «Cos’è quella faccia triste, dolcezza? Al tizio in fondo serve un rabbocco.» «Scusa, Des. Vado subito» replicò lei. Servì il cliente con un sorriso forzato. Era un periodo carico di tensione. Per Sid, per la Ditta, per tutti loro. Un periodo rischioso. I piedipiatti stavano addosso a Sid. La settimana precedente lui e i suoi ragazzi avevano rapinato
    un furgone delle paghe e se l’erano svignata con più di mille sterline, inducendo Freddie Lytton, il rappresentante parlamentare locale, a dichiarare loro guerra. Aveva fatto arrestare Sid, e anche Frankie e Desi. Ma il giudice li aveva lasciati andare. Non c’erano testimoni. Due uomini e una donna avevano assistito alla rapina ma, quando avevano scoperto che dovevano testimoniare contro Sid Malone,
    non erano più riusciti a ricordare che aspetto avessero i rapinatori. «È stato un errore. La polizia ha arrestato l’uomo sbagliato» aveva spiegato Sid alla stampa sulla scalinata dell’Old Bailey, subito dopo il suo rilascio. «Non sono un delinquente. Solo un uomo d’affari che cerca di guadagnarsi da vivere onestamente.» Era una frase che aveva usato in parecchie occasioni: ogni qual volta la polizia faceva irruzione nel suo cantiere navale o in uno dei suoi pub. La pronunciava talmente spesso che Alvin Donaldson aveva ribattezzato lui il Presidente e la sua banda la Ditta. Lytton era andato su tutte le furie. Aveva giurato che avrebbe avuto la testa di Sid su un vassoio d’argento. Aveva giurato di trovare qualcuno, un uomo onesto, che non temesse di dire la verità, che non temesse Malone e il suo branco di criminali, e a quel punto li avrebbe rinchiusi dietro le sbarre per tutta la vita. «Sono solo palle» aveva dichiarato Sid. «Vuole vedere la sua foto sui giornali. Le elezioni si Avvicinano.»



     

    L’AUTORE


    Clay e Susan Griffith sono marito e moglie. Vivono in America nella North Carolina. Sono gli autori della serie Vampire Empire. Finora sono usciti due libri della trilogia: The Greyfriar e The Rift Walker.  Il terzo volume è atteso per il 2012.
     

    Cenerentola...lei si che potrebbe portarle..

    Eh si abituata alle scarpette di cristallo queste a paragone sono comode come delle ciabattine.
    Mr. Louboutin, colui che ha reso la mia passione un vero dramma, e anche quella del mio compagno di riflesso,  io amante dei colori, delle forme, degli stivali, delle decoltè, delle ballerine, di tutto quello che i miei piedi possono calzare, io così amante delle scarpe da averne più di 50 paia (per stagione logicamente)si lo sò che per molti non sono moltissime, ma per chi come me prende uno stipendio misero…fidatevi…non sono male come numero, ma tranquille si moltiplicheranno…da sole? o___O
    Cover del libro
    Esce domani una bellissima pubblicazione dedicata alle sue creazioni edito da Rizzoli, l’uomo con mille donne ai propri piedi,bhè si chiama Christian Louboutin, nasce come semplice artigiano perfezionista, amante del design e delle belle scarpe, famoso per la suola rossa,  suo marchio inconfondibile, che durante la collezione autunno/inverno 93-94, prendendo in mano la prima scarpa, tra l’altro un modello in crepe rosa, si rese conto che la voleva ancora più diversa, voleva che risaltasse tra mille, che fosse inconfondibile ma non riusciva  a capire cosa rendesse una scarpa così, cosa per fare risaltare i colori e le forme. Ci mise un po’ per comprenderlo, ma alla fine si rese conto che era colpa della suola nera. Così strappò dalle mani della sua assistente un flacone di smalto per unghie rosso e lo rovesciò dietro alla scarpa e grazie a quello il modello prese vita e nacque il suo marchio di fabbrica, LA SUOLA ROSSA,  anche se ultimamente c’è stata un po’ di maretta con la casa di moda Yves Saint Laurent, citata in giudizio da Louboutin per violazione del marchio commerciale e concorrenza sleale, proprio per colpa della famosa suola rossa Pantone 186c (tipo di colore) ,dal 2007  diventata patrimonio esclusivo della Maison Louboutin, replicata appunto da YSL.
    Credo che a ognuna di noi sia capitato di vederne una ma di non sapere assolutamente di chi fosse, magari di aver pensato fosse solo un modello e non certo un marchio di fabbrica.
    Così questo signore è diventato tra i più grandi della moda con migliaia di fan adoranti e testimonial del calibro di Madonna, Victoria Beckham, Blake Lively, Sarah Jessica Parker, insomma si va dalle donne comuni, alle modelle, celebrità, attrici, principesse, regine, e parliamo di modelli che spesso richiedono una vera e propria “abilità” e “tenacia” per essere portate, che fanno male solo a guardarle e che fanno della comodità una parola sconosciuta, lo stesso designer dichiara: “ll comfort è un concetto orribile". E rincara la dose parlando del modello Fetish Ballet Heels: "Con queste scarpe non si può pensare né di camminare, né tanto meno di correre, sono state realizzate per restare sdraiate".
    Quindi care amiche che dire…se belle volete apparire un poco dovete soffrire…non era così il detto?
    Ma ne vale davvero la pena?
    Il mio giudizio?....bhè che dire se fossi cenerentola, fanculo alla zucca e mi riprenderei la scarpetta….con quello che costano poi!!!
    Rifatevi gli occhi....
    Modello Eugenie in velluto e cristalli

    Modello  Amelissa

    Modello Miss Guy

    Stivale- calza in lana tricolore

    Modello Engin in vernice e PVC

    Modello Paola boot in pizzo

    Modello Bridget in pizzo e leopardo

    Modello Clovis

    Modello Dita dedicato alla Von Teese

    Modello Pensee

    Modello Lets Go Brode

    Modello Dahliain cavallino stampato zebra

    Modello Pluminette in seta e Marabou

    Stivale in cavallino laserato

    Modello Let Me Tell You Laser Cut Nappa Ankle Boot

    Modello Marie Antoinette

    Modello Madison in nappa dorata

    Clutch modello Kephren in seta e cristalli

    Modello Amber Gold

    Modello Escandria in seta e satin

    comode eh?